top of page

U.V.A. ha come obiettivo principale lo studio e la valorizzazione degli scarti di vinificazione attraverso l’impiego di un processo innovativo di estrazione di coloranti naturali e di molecole bioattive come antocianine e polifenoli, per l’industria tessile, farmaceutica, nutraceutica, alimentare e cosmetica. La metodologia proposta include l’utilizzo di enzimi nel pre-trattamento delle bucce d’uva per l’estrazione, con l’obiettivo di migliorare l’efficienza estrattiva. 

Il protocollo sperimentale è stato strutturato in diverse fasi, dalla preparazione dell’enzima alla sua immobilizzazione in un gel, all’analisi spettrofotometrica degli estratti per valutare il tenore di antocianine e l’efficacia del processo. Gli studenti hanno ottenuto risultati molto promettenti e stanno approfondendo l’impiego di membrane semipermeabili (Osmosi Inversa) per concentrare le soluzioni derivanti dai processi enzimatici e l’utilizzo degli scarti derivanti dai processi estrattivi e dei raspi d’uva come substrati dedicati

alla produzione dei funghi. L’intento è di valorizzare tutti i sottoprodotti della vinificazione in ottica circolare puntando su prodotti di grande interesse come coloranti, molecole e fitocomplessi bioattivi e ad alto valore aggiunto, favorendo la corretta gestione dei rifiuti.

La crescente consapevolezza ambientale è, infatti, alimentata dalla sempre più urgente necessità di affrontare le sfide legate alla sostenibilità guida al design di nuove pratiche circolari.

U.V.A.

Uso Vinacce Alternativo

PROGETTI E MATERIALI

STEAM

bottom of page